Cavezzo

Richiedenti asilo curano piazze Bologna

Accolti nel progetto Sprar, hanno seguito corsi e, come volontari, da inizio mese curano e tutelano il decoro delle piazze Verdi e San Francesco e del Parco della Montagnola. Sono i primi 30 richiedenti asilo che partecipano al progetto Bologna Si-Cura, ideato dal Comune in con Asp Città di Bologna, che promuove collaborazione civica. Sono 27 ragazzi e 3 ragazze, tra 18 e 31 anni, provenienti da Nigeria, Burkina Faso, Gambia, Biafra, Senegal, Guinea, Pakistan e Costa d'Avorio. "È il primo passo - spiega l'assessore al welfare Giuliano Barigazzi - con ulteriori risorse del Fondo asilo faremo diventare questo progetto più strutturato". "Puntiamo a coinvolgere 150 volontari nei prossimi mesi - ha aggiunto l'assessore alla sicurezza Alberto Aitini - il Comune ha investito 10mila euro per assicurazione obbligatoria e per la formazione. Proviamo a integrare così i ragazzi arrivati a Bologna, il rischio è che li coinvolga la criminalità organizzata, che li porti a spacciare. Vogliamo dare loro una alternativa".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie